Sapori di un’estate lavorativa

Un’estate nella mia adorata Sardegna trascorsa lavorando, ma godendo anche del mare azzurro e cibo sfizioso

Ogni anno aspettiamo l’estate perché con essa, per la maggior parte delle persone, arrivano le vacanze e le ferie. La mia estate, per rimanere fuori dal gregge, è stata un’estate lavorativa. Ho viaggiato tanto, in auto, con temperature di 40° gradi all’ombra, da nord a sud in giro per la mia adorata Isola, la Sardegna.
Non è mancata la voglia di assaporare buon cibo e inventare nuovi piatti, magari freschi e veloci.
Oggi vi propongo alcuni spuntini che mi hanno accompagnato nelle giornate più impegnative, un breve viaggio metaforico fra sapori diversi, a volte provenienti dall’altra parte del mondo.
In fondo il cibo è anche questo, un percorso di conoscenza di altre culture che ci consente di viaggiare con la mente stando fermi in un luogo.
L’estate lavorativa, se ci si organizza, può essere piacevole e si riesce anche a trovare il tempo di andare a fare un tuffo al mare, magari quando non c’è più nessuno in spiaggia. E’ così che si fanno incontri inaspettati e ci si ritrova a fare una nuotata in compagnia di un gabbiano.
Insomma, lavoro o vacanza, l’estate è sempre una stagione favolosa e io l’adoro perché le giornate sembrano lunghissime e il sole, anche se ci mette a dura prova, mi trasmette allegria.
Roberta

Every year we wait for the summer because with it, for most people, the holidays arrive and leave. My summer, to stay out of the herd, was a summer job. I traveled a lot by car, with temperatures of 40 degrees in the shade, from north to south around my beloved island, Sardinia.
It not lack the desire to savor good food and invent new dishes, maybe fresh and fast.
Today I propose a few snacks that have accompanied me during the most demanding, a short metaphorical journey between different flavors, sometimes from the other side of the world.
At the bottom of the food is also this, a path of knowledge of other cultures that allows us to travel with the mind standing still in one place.
The summer work, if there is organized, can be enjoyable and also manages to find time to go for a dip in the sea, even when there is no one on the beach. And ‘so that you make unexpected encounters and find yourself in a swim in the company of a seagull.
In short, business or pleasure, the summer is always a fabulous season and I love it because the days seem long and the sun, even if it puts us to the test, it gives me joy.

panoramica loc. Marinella, Porto Rotondo, Sardegna – Italia

caprese di pomodoro e mozzarella 

feta, spiedini di sott’aceto, pomodorini, olive

Bignè salati con crema di melanzane, rotolini pane e salame milano

formaggio,mix di tartine in salsa di olive, funghi e carciofi

Melanzane, guanciale e provola

Spiaggia Bianca – Golfo Aranci, Sardegna – Italia
Selvaggia Capizzi
Selvaggia Capizzi

fashion blogger di roma, influencer over 40 amo condividere la mia passione per la moda e soprattutto definirmi l'unica, vera, originale (s) fashion blogger

22 Comments
  1. Ciao Roberta, so cosa vuol dire lavorare d'estate…io nel tempo libero (facendo 3 turni) potevo solo crollare nel mio lettuccio, però non amando tanto né testa e né mare per me era anche un alibi per evitare l'estate convenzionale..
    Invece sono contenta che per te sia diverso! Hai la fortuna di avere intorno un mare meraviglioso e molta fantasia in cucina! how questi piatti sono uno più ghiotto dell'altro per me, bravissima… Mi attirano tantissimo quei bignè salati, sarà che adoro sia i bignè che le melanzane!

Lascia un messaggio nel nostro Fashion Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.