Just Cavalli e la banda del Made in Italy

This post is also available in: English (Inglese)

Oggi indosso un total look Just Cavalli per parlare ancora una volta di Made in Italy, del futuro della moda italiana, di tutto l’indotto compresi noi influencer. Come cambieranno le cose nei prossimi anni?

just cavalli estate 2020

Questo total look Just Cavalli mi è particolarmente caro, primo perché è made in Italy e secondo perché il verde è decisamente il mio colore essendo una rossa.

E mi dà anche l’occasione per parlare di nuovo dell’importanza di sostenere la filiera italiana dando precedenza a acquisti autoctoni piuttosto che esteri.

Abbiamo già parlato di Made in Italy qui e qui e oggi ne riparliamo ancora perché ho appena visto una trasmissione che ha chiarito anche il punto di vista dei brand italiani  e di tutto il mondo legato a essi.

Just Cavalli, Marni, Trussardi, come sopravviveranno i grandi brand di moda alla crisi economica?

E non solo alla crisi economica, ma al cambiamento epocale a cui stiamo andando incontro?

Nella trasmissione che ho visto su Real Time (fatta davvero malissimo come qualità ma ricca di contenuti) sono state dette tante cose molto interessanti e anche alcune più banali. Vediamo quali:

La vendita on line diventa strategica: con i negozi su strada in difficoltà, il commercio on line diventa il paracadute per non andare a fondo. Noi che lavoriamo sul web da anni lo sappiamo, ci sono brand che vendono esclusivamente on line tagliando tutta una serie di costi e portando al cliente finale prodotti di qualità a prezzi più accessibili e con un rapporto di consulenza integrato.  Ma attenzione: se il commercio su strada dovesse fallire si creerebbe un gravissimo cratere economico che porterebbe anche a un minor potere di spesa e al conseguente fallimento anche dell’on line. I negozi devono rimanere aperti e vanno sostenuti. Io di sicuro lo farò.

Il numero di collezioni diminuirà: e era ora direi. Impossibile stare appresso alla quantità di collezioni sfornate ogni anno dagli stilisti e anche loro sono ben consci che dovranno in qualche modo avvicinarsi al pronto anziché alle collezioni presentate un anno prima.

Le sfilate al momento saranno in streaming: il divieto di assembramento impedisce lo svolgimento delle sfilate con il pubblico? Nessun problema finalmente le sfilate si faranno esclusivamente in streaming, E io mi sono organizzata per la Home Fashion Week!

E i fashion influencer? Dopo la crisi durante il lockdown, il futuro degli influencer sembra essersi ripreso almeno in parte.

Una cosa è certa: l’investimento in influencer marketing è sempre una buona cosa visto che il ROI è superiore.

Mai come ora le persone hanno necessità di fare acquisti mirati e chi meglio degli influencer può trasmettere fiducia?

Come si crea un circolo virtuoso per sostenere il Made in Italy?

Riportando un pensiero della mia amica Giorgia Carlucci, proprietaria e designer di 24..25 Clothing , se riportiamo tutta la produzione in Italia come è giusto che sia, tutta la filiera deve collaborare. Molti brand hanno portato la produzione all’estero a causa degli elevati costi per produrre in Italia.

Per aiutare i vari ingranaggi della filiera del Made in Italy è necessario che tutti si autotassino e che si crei un circolo virtuoso che alla fine porterà comunque più soldi in Italia e anche agli artigiani italiani che si erano visti sottrarre il lavoro dalla manodopera straniera.

Io scelgo di aiutare l’Italia e tu?

 

Selvaggia Capizzi
Selvaggia Capizzi

fashion blogger di roma, influencer over 40 amo condividere la mia passione per la moda e soprattutto definirmi l'unica, vera, originale (s) fashion blogger

9 Comments
  1. Io per il momento ancora non ho avuto il coraggio di fare shopping nei negozi fisici, anche perchè mi sembra che comunque siano ancora mezzi vuoti: finora sono andata solo da Decathlon ( e lo so che non è italiano, ma se mi servono attrezzature sportive lì è l’unico posto dove sono certa di trovare tutto) l’altro giorno e c’erano intere zone con gli scaffali vuoti!
    Addirittura non avevano i tappetini da yoga, che sono una cosa comunissima!
    Quindi mi sa che aspetterò ancora un pò prima di tornare a girare per negozi….Insomma il rischio, per quanto minimo c’è sempre, se devo correrlo che almeno ne valga la pena!^^
    bellissimo il tuo look, hai proprio ragione, il verde ti sta una meraviglia!!!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com

  2. Non ho capito come dovrebbe essere l’aiuto da dare al Made in Italy. Io preferisco il negozio tradizionale a quello online perché le cose mi piace provarle e vedere come mi stanno. A volte un abito è bellissimo sul catalogo e poi ti sta male. Provandolo non succede.

Lascia un messaggio nel nostro Fashion Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.