iPhone 6, il break point di Apple!

Apple o non Apple, questo è il problema! Nonostante la rottura con il passato con i display decisamente più grandi, il nuovo melafonino iPhone 6 domina il mercato delle vendite!

Sono passati due mesi dalla sua uscita ed è arrivato il momento di fare due considerazioni sul prodotto Hi-Tech più fashion al mondo: iPhone 6.
Già, non mi piace fare recensioni su un prodotto appena uscito. Voglio provarlo, testarlo e scoprirne tutti i pregi e difetti.

Anche quest’anno Apple ha deciso di presentare due melafonini: iPhone 6 e iPhone 6 Plus, quello più grande per intenderci.
Lo stile di Cupertino si vede anche in questo, scegliendo “plus” per descrivere il proprio prodotto e non “mega” o “grand” come hanno fatto gli altri competitor. Risultato? Un nome decisamente più sobrio e adeguato allo stile del colosso californiano.
La si può amare o la si può odiare, ma La Mela Mozzicata dal punto di vista del marketing è l’azienda leader del settore e questo le deve essere assolutamente riconosciuto!

Ma torniamo a noi: iPhone 6. Da amante di smartphone (ne cambio uno ogni due mesi!!!) ho deciso di comprarlo a settembre a Londra all’Apple Store di Oxford Circus…non sto qui a descrivere la fila che c’era!
La differenza sostanziale rispetto al passato è lo schermo. Si tratta di un vero break point. La filosofia del compianto Steve Jobs, che voleva schermi perfettamente raggiungibili in ogni sua parte con il dito pollice, è stata completamente abbandonata.
Per chi non proviene dall’universo di Cupertino questa scelta rappresenta un passo in avanti. I veri fan della mela hanno intravisto un balzo indietro, proprio perché questo dimostra come non sia più Apple a dettare le leggi del mercato, ma sono gli stessi utenti finali desiderosi di avere uno schermo più grande dei classici 4 pollici.

Ovviamente una scelta così importante è stata fatta in grande stile, con un Retina HD display che, nonostante le dimensioni, propone una luminosità e una purezza di pixels impressionanti.
Il guru Jony Ive, capo designer Apple, ha deciso di dare un tocco di classe in più al nuovo gioiellino fornendo delle linee più arrotondate e morbide rispetto ai modelli precedenti, il tutto racchiuso in 6,9 mm di spessore per iPhone 6 e 7,1 mm di spessore iPhone 6 Plus. E qui scateniamo una polemica!

“Avete visto che scandalo? L’iPhone 6 Plus si spezza se lo metti in tasca! E’ una vergogna!”
Queste le parole apparse su tutte le riviste e i blog del settore.
Ok, i video apparsi in rete non sono dei fake ma sono reali. Ma avete mai preso in mano un altro smartphone con quello spessore e con quelle dimensioni e avete mai esercitato una forte pressione sui due lati più estremi? Ecco, non vi dico quale è il risultato perché è scontato. Ci piacciono i telefoni con gli schermi più grandi ma allo stesso tempo abbastanza sottili da entrare comodamente nella tasca dei nostri pantaloni? Allora non ci lamentiamo se poi sotto pressione si spezzano!

Non voglio difendere Apple, purtroppo Tim Cook non mi paga per farlo, ma avviare una campagna mediatica per una cosa talmente scontata come questa mi sembra abbastanza superficiale. Vogliamo parlare del Samsung Galaxy SIII (fra cui anche il mio!) che dopo sei mesi moriva perché si bruciava la scheda madre? Quello è un fatto grave, ma non mi sembra sia stata fatta una polemica a livello mondiale.

Purtroppo o per fortuna Apple è sempre nell’occhio del ciclone e ogni volta che presenta un nuovo device si scatenano da tutto il mondo i suoi fan e i suo detrattori.
Nel 2014 non possiamo ancora impazzire per decidere quale è il telefono migliore sul mercato…anche perché ogni settimana ne viene presentato uno nuovo!
Siamo noi stessi che dobbiamo valutare in base alle nostre esigenze quale è lo smartphone migliore per noi…e non per gli altri!

Two months since the release of the iPhone 6 and now is the time doing some consideration about it, the most fashionable Hi-Tech product of the world.
I don’t like to do review of a new item but I want to try it, test it and find out all the pros and cons.
This year, Apple has decided to present two new smartphones: iPhone 6 and iPhone 6 Plus, a larger version of the first one.
Cupertino style is evident: not “mega” nor “grand”, only “plus”. A name much more simple and appropriate to the style of the Californian giant.
We have to admit that Apple is the marketing leader in this sector.
But what about the iPhone 6? As a smartphones lover, I bought it in London at the Apple Store of Oxford Circus, in September.
The main difference from the past is the screen. A true break point, no more Steve Jobs philosophy. No more screen with a perfect accessibility with a simple thumb touch.
The guru Jony Ive, Apple’s chief designer, decided to give a touch of class to the new jewel by providing a more rounded product compared to previous models, all packed into 6,9 mm for the iPhone 6 and 7,1 mm for the Plus. And here it comes the controversy!
“The iPhone 6 Plus will break if you put it in your pocket! A shame!”
Ok, all the web videos are not fake but  have you ever picked up another smartphone with the same thickness in your hands? Have you never exerted a strong pressure on it?
We love smartphones with big screens so much, but now, you can’t complain if they could break themselves in your pants pockets.
I do not want to defend Apple, I’m not payed by Tim Cook. We lived a similar experience with the Samsung smartphone in the past, in particular, we can remember the story about Samsung Galaxy SIII. This smartphone suffering of “motherboard died”  after only six months


I give you an advice: choose the best smartphone that satisfies your needs….don’t choose anything because of the marketing behind it!

Francesca Romana Capizzi
Francesca Romana Capizzi

fashion blogger di roma, amo condividere la mia passione per la moda e soprattutto definirmi l'unica, vera, originale (s) fashion blogger

95 Comments
  1. David, sono d'accordo con quanto affermi, le polemiche si sprecano sempre quando si parla dei colossi come Apple, io penso che ognuno debba decidere con la propria testa quale sia il prodotto migliore, come dici tu se si vogliono smartphone grandi bisogna preoccuparsi di avere lo spazio per farli stare, sarebbe come voler mettere una Ferrari in uno sgabuzzino e poi lamentarsi perchè si rigano le fiancate

    1. eheheheheheh fantastico il paragone con la Ferrari! 😀
      verissimo, siamo noi che dobbiamo scegliere cosa comprare, non quelli che fanno le recensioni! 😉